Tappa numero 4: Sant’Albino, la piccola terra di mezzo monzese
Monza Quartiere Sant'Albino Cascina Bastoni (Foto by Fabrizio Radaelli)

Tappa numero 4: Sant’Albino, la piccola terra di mezzo monzese

La tappa numero 4 del viaggio Nel cuore di Monza: il quartiere Sant’Albino. Dov’è, come è fatto, come è cambiato, quali sono le problematiche, l’intervista alla Sanda Volley. Tutto in edicola giovedì 24 novembre 2016, con un’idea del Cittadino per il quartiere.

La tappa numero 4 del viaggio Nel cuore di Monza: il quartiere Sant’Albino. Dov’è, come è fatto, come è cambiato, quali sono le problematiche, l’intervista al presidente della Sanda Volley. Tutto in edicola giovedì 24 novembre 2016, con un’idea del Cittadino per aiutare i residenti a corto di servizi.

Nel cuore di Monza il 24 novembre è anche nell’edicola online in versione digitale per pc, smartphone, tablet (vai)

LEGGI Tutte le puntate di Nel cuore di Monza

È il quartiere più piccolo di Monza. Con il più basso tasso di residenti e la più bassa percentuale di stranieri residenti. Questo secondo i dati dell’Ufficio anagrafe del Comune che con i numeri aggiornati al 31 dicembre 2015 dichiara che a Sant’Albino vivono 2.648 persone, di cui 177 stranieri.

Piccolo ma ricco di storia, tradizioni e con una popolazione molto attiva impegnata nella promozione del quartiere. Definito un tempo “Il paese dei quattro Comuni” è oggi un quartiere che mantiene ancora la sua identità di comunità e di paese fortemente legato sia Monza sia alla vicina Brugherio, più precisamente San Damiano con il quale confina.

Un quartiere nato e cresciuto attorno al simbolo della Cascina Bastoni e che oggi è separato da Monza dalla via Stucchi. Proprio il grande vialone per anni è stato al centro delle battaglie del Comitato di quartiere Sant’Albino che ha chiesto – e oggi ottenuto – di realizzare una passerella ciclopedonale per collegare in totale sicurezza il rione al resto della città. Una richiesta fortemente voluta dopo la morte, alcune anni fa, di un giovane investito proprio all’altezza di quella ribattezzata la rotonda killer.

Ma Sant’Albino ha anche altre importanti strutture: il centro natatorio di via Murri intitolato al compianto assessore allo Sport Pia Grande, la City Farm in via Adda un primo orto comune gestito da alcuni volontari, il Poliambulatorio di via Marco d’Agrate gestito da Farmacom e il nuovo Centro civico di via Mameli. Un centro civico molto attivo, punto di riferimento per le famiglie, con la promozione di corsi e attività frequentate anche dai bambini e con il diretto coinvolgimento dei residenti.

Certo, quello che manca è il commercio. Molti negozi hanno abbassato definitivamente la saracinesca colpa anche della grande distribuzione con tre ipermercati a pochi chilometri di distanza.

Si può partecipare con proposte, idee, segnalazioni, foto, commenti anche scrivendo all’indirizzo e-mail nelcuoredimonza@ilcittadinomb.it.

Guarda la mappa delle uscite: dove sono i quartieri e quando vanno in edicola

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti (0) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare