Tappa numero 3: il quartiere Triante, i suoi portici e lo sviluppo residenziale
Monza, la Cascina Triante (Foto by Fabrizio Radaelli)

Tappa numero 3: il quartiere Triante, i suoi portici e lo sviluppo residenziale

La tappa numero 3 del viaggio Nel cuore di Monza: il quartiere Triante. Dov’è, come è fatto, come è cambiato, quali sono le problematiche. A partire dal progetto di una piazza. Tutto in edicola giovedì 10 novembre 2016, con un’idea del Cittadino per il quartiere.

La tappa numero 3 del viaggio Nel cuore di Monza: il quartiere Triante. Dov’è, come è fatto, come è cambiato, quali sono le problematiche. A partire dal progetto di una piazza. Tutto in edicola giovedì 10 novembre 2016, con un’idea del Cittadino per il quartiere.

Nel cuore di Monza il 10 novembre è anche nell’edicola online in versione digitale per pc, smartphone, tablet (vai).

Tutte le puntate di Nel cuore di Monza

LEGGI Il Cittadino entra “Nel cuore di Monza” per raccontare i quartieri

Forse non tutti lo sanno ma Triante detiene un primato: quello della somma più lunga di porticati in rettilineo della città. In via Cavallotti raggiungono la lunghezza di 150 metri di palazzine sotto le quali svettano quei porticati tanto diffusi nella bassa Lombardia e dove ancora oggi è un piacere passeggiare guardando le vetrine dei negozi.

Monza, Quartiere Triante:  via Cavallotti e i portici

Monza, Quartiere Triante: via Cavallotti e i portici
(Foto by Fabrizio Radaelli)


Un rione ricco di storia, recente. Che ha visto un’esplosione residenziale e dove oggi – dati dell’ufficio anagrafe aggiornati al 31 dicembre 2015 – risiedono 15.178 residenti di cui 1.701 stranieri.

Triante fino all’Ottocento si espandeva fin quasi a San Fruttuoso, fino a quel viale Lombardia che, come ricorda lo storico locale Daniele Cappelletti, venne costruito agli inizi dell’Ottocento dai francesi per agevolare il passaggio delle carrozze diventando la prima importante infrastruttura cittadina.
Nel Novecento è stato un susseguirsi di costruzioni, in parte di edilizia privata in parte di edilizia pubblica: nel 1924 le abitazioni del cosiddetto “Villaggio dei dipendenti comunali”, 1927 le villette dei reduci della Grande Guerra, poi le abitazioni comunali di via Pitagora e le case Fanfani. Una crescita residenziale alla quale ha fatto seguito quella di servizi con strade, negozi, il centro sportivo con la piscina e i campi da tennis, le scuole, i giardini, la chiesa, il cinema, il teatro parrocchiale. Di luoghi simbolo c’è certamente il Circolo Cattaneo oggi diventato un ristorante.
Accanto a piccoli negozi di vicinato, supermercati e minimarket, pizzerie, bar, ristoranti, gelaterie, negozi di occhiali, di articoli per la casa.

Il rione prende il nome da una delle cascine, la cascina Triante situata nel centro del quartiere.

Si può partecipare con proposte, idee, segnalazioni, foto, commenti anche scrivendo all’indirizzo e-mail nelcuoredimonza@ilcittadinomb.it.


Guarda la mappa delle uscite: dove sono i quartieri e quando vanno in edicola

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti (0) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare