Giovedì 04 novembre 2010

Paderno Dugnano: incidente grave
Esplode azienda chimica, sei feriti

Paderno Dugnano - Grave incidente in un'azienda chimica di Paderno, dove è stata registrata un'esplosione poco prima delle 15 di giovedì. Sono almeno sei le persone trasportate in codice rosso con ustioni. Cinque sono state intubate sul posto e trasferiti negli ospedali di Niguarda, San Carlo, Fatebenefratelli, San Raffaele e San Gerardo di Monza. Due dei feriti sarebbero in gravi condizioni. Sul posto in un primo momento cinque mezzi di base, l'automedica e l'elicottero del 118 di Milano. Lo rende noto l'Areu, l'agenzia regionale per l'emergenza urgenza, che ha segnalato l'invio di ulteriori mezzi: un altro elicottero, cinque mezzi di base ulteriori e un'altra automedica. In tutto, gli uomini impegnati sono una quarantina, tra cui quelli del Nucleo chimico batteriologico.
L'incidente è avvenuto alla ditta Eureco (comunemente noto come Merlino, dal nome del proprietario del condominio industriale), in via Mazzini 101, al confine tra Nova Milanese e Varedo, che si occupa dello smaltimento di rifiuti. Già a luglio un caso analogo, con alcuni container che presero fuoco nel cortile della ditta durante l'orario notturno. La colonna di fumo è ben visibile anche in tutti i paesi limitrofi. Sul posto sono arrivati anche il sindaco Marco Alparone e il suo vice Gianluca Bogani. La strada Sp exSS35 Milano-Meda chiusa in via precauzionale in Direzione Nord all'altezza di Incirano, è stata da poco riaperta. La circolazione resta tuttavia difficoltosa e la Provincia MB consiglia agli automobilisti in uscita da Milano in direzione Nord di scegliere percorsi alternativi alla Milano-Meda - tra cui la ex SP9 ‘Vecchia Valassina' in direzione Lecco e la SP44 bis Milano-Lentate in direzione Como - per non congestionare ulteriormente l'area, dove sono all'opera numerose squadre e mezzi di soccorso. Il tratto della superstrada Milano-Meda era stato parzialmente chiuso al traffico per la presenza di bombole di acetilene nei pressi della recinzione dello stabilimento che confina con la superstrada.

m.rossin

© riproduzione riservata

Commenti (0) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare