Una bomba al bancomat fatta brillare nella cava: boato all’alba  a Brugherio
Un recente intervento dei carabinieri a Brugherio (Foto by Fabrizio Radaelli)

Una bomba al bancomat fatta brillare nella cava: boato all’alba a Brugherio

Allarme all’alba per i residenti di Brugherio. Una forte esplosione è stata avvertita in gran parte della città ed è stato l’argomento più discusso nella mattinata di giovedì 16 marzo: era una bomba trovata in un bancomat a Carugate e fatta brillare nella cava.

Allarme all’alba per i residenti di Brugherio. Una forte esplosione è stata avvertita in gran parte della città e, nella mattinata di giovedì 16 marzo, l’argomento ha fatto il giro dei social. Lo scoppio arrivava dalla cava di Increa (inizialmente era stato riferito fosse successo in territorio di Cernusco) dove gli artificieri dei carabinieri stavano facendo brillare un ordigno rudimentale trovato in un bancomat di Carugate.

Qui, prima dell alba, una banda poi sfuggita alla cattura ha provato a far saltare lo sportello bancomat della UBI Banca di via Toscana. I malviventi avevano piazzato un contenitore metallico riempito di polvere pirica e collegato a un filo elettrico che arrivava fino alla strada. All’estremità la banda avrebbe dovuto collegare una batteria o qualcosa di simile per innescare la bomba.

Ma poi sembra siano stati disturbati, forse da qualche passante che ha chiamato il 112.
Le prime notizie di un inseguimento tra la pattuglia intervenuta e i balordi in fuga non sono state poi confermate. La banda si era già allontanata e alla fine è riuscita a dileguarsi. Le indagini sono in corso.

Per rimuovere in sicurezza la bomba dal bancomat sono stati fatti evacuare due appartamenti sopra la banca. Nella stessa cava nelle scorse settimane gli esperti dell’Esercito hanno fatto brillare ordigni bellici ritrovati di recente.

(*notizia aggiornata alle 16 del 16 marzo 2017)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti (0) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare