Seregno: c’è un’allerta per vento forte, una donna rimane chiusa nel cimitero
Seregno, la donna rimasta chiusa al cimitero domenica per allerta maltempo (Foto by Paolo Volonterio)

Seregno: c’è un’allerta per vento forte, una donna rimane chiusa nel cimitero

Una donna domenica è rimasta chiusa all’interno del cimitero maggiore di via Reggio a Seregno per oltre mezz’ora, tra le 13 e le 13.40. I cancelli infatti sono stati chiusi in anticipo in virtù dell’avviso di criticità regionale per il rischio di forti raffiche di vento.

Una donna domenica è rimasta chiusa all’interno del cimitero maggiore di via Reggio a Seregno per oltre mezz’ora, tra le 13 e le 13.40. I cancelli infatti sono stati chiusi in anticipo in virtù dell’avviso di criticità regionale per il rischio di forti raffiche di vento.
Solo l’arrivo di alcuni cittadini, tra cui un’ex consigliere comunale Claudio Busnelli, che hanno trovato i cancelli tutti chiusi ha risolto la situazione: l’hanno rassicurata, facendo intervenire gli agenti della Polizia locale.

LEGGI Inquinamento, arrivano pioggia e vento

La donna che abita in centro città era molto spaventata e ha ringraziato gli agenti e le persone che l’hanno sostenuta. Cos’era successo? I cancelli del camposanto sono stati regolarmente aperti come tutti i giorni alle 7, solo che alle 13, l’addetto all’apertura e chiusura del camposanto, non esistendo più un custode fisso, ha ricevuto un avviso di chiusura dalle 13, apponendo un cartello giallo con la scritta: “per ordinanza prefettizia n. 237 del 21 ottobre 2017, il cimitero sarà chiuso oggi alle ore 13”.

L’addetto alla chiusura dove aver fatto un giro e avvertito con il suono della campana ha provveduto a mettere la catena al cancello e se n’è andato. La donna ha detto di non aver sentito e visto nessuno, perchè è solita frequentare il luogo di culto a quell’ora. Molta sorpresa anche per molti seregnesi che intorno alle 13.45 si sono avviati all’ingresso con fiori da deporre sulle tombe, ma con rammarico hanno dovuto ritornare sui loro passi, presi alla sprovvista dall’ordinanza prefettizia emessa a seguito di un avviso della Protezione Civile che informava di una moderata criticità con codice arancione, per rischio idrogeologico, idraulico, temporali forti e vento. Per con una giornata in cui il sole aveva fatto capolino poco dopo le 11, in un cielo velato.

Dalle 13 del 22 ottobre sono quindi vietati l’accesso ai parchi, giardini non recintati, l’utilizzo delle piste ciclabili alberate e la sosta lungo le strade alberate. “La cittadinanza è inviata a transitare con prudenza e attenzione lungo le strade e aree pubbliche e a contattare il Comando di Polizia Locale (0362/263211) per segnalare possibili situazioni di pericolo”, si legge sul sito internet del Comune.

© RIPRODUZIONE RISERVATA