Lentate sul Seveso: attraversa sui binari, muore 40enne travolto dal diretto per Como
La stazione di Camnago di Lentate venerdì sera (Foto by Cristina Marzorati)

Lentate sul Seveso: attraversa sui binari, muore 40enne travolto dal diretto per Como

Incidente alla stazione di Camnago di Lentate sul Seveso nella serata di venerdì 22 luglio: un uomo di circa 40 anni ha attraversato sui binari ed è morto dopo essere stato travolto dal diretto per Como. Era senza documenti, identità sconosciuta.

Incidente sulla ferrovia intorno alle 22.50 di venerdì 22 luglio, alla stazione di Camnago di Lentate sul Seveso: un uomo è morto dopo essere stato investito dal treno dopo avere attraversato i binari. Secondo i primi riscontri si tratta di una persona forse di origine straniera, dell’apparente età di 40 anni, ma non sono stati trovati documenti che ne attestino l’identità.

L’uomo è sceso dal treno diretto a Milano sulla linea che arriva da Chiasso. Per raggiungere l’uscita ha deciso però di non utilizzare il sottopasso ma di attraversare i binari, operazione che è espressamente vietata. Passando dietro il treno non ha visto arrivare sull’altro binario un altro convoglio, un diretto per Como: il macchinista, secondo le informazioni raccolte, ha tentato di frenare, ma inutilmente. Nonostante la vittima avesse già messo un piede sulla banchina, è stato colpito: sul posto un’automedica e la Croce bianca di Seveso, inutili i tentativi di rianimarlo. Alla stazione sono quindi arrivati i vigili del fuoco di Seregno e Lazzate e i carabinieri di Lentate e Seveso.

Traffico ferroviario ridotto a un solo binario nelle ore successive.

I vigili del fuoco alla stazione di CamnagoCristina Marzorati

I vigili del fuoco alla stazione di CamnagoCristina Marzorati

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti (1) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare
Maurizio Artioli scrive: 23-07-2016 - 20:32h
Anche stavolta Charles Darwin ha fatto il suo lavoro. R.I.P.