La Lega Nord di Concorezzo tuona: «Serve l’ordinanza anti accattoni e fracassoni»
Concorezzo vuole lo stop agli schiamazzi notturni

La Lega Nord di Concorezzo tuona: «Serve l’ordinanza anti accattoni e fracassoni»

«La Lega Nord solleciterà in queste ore la giunta affinché venga emanata, come succede già in altre città, un’ordinanza ad hoc per fornire alle forze dell’ordine nuovi strumenti per contrastare chi offende il decoro pubblico, disturba la quiete». Lo richiesta arriva dalla Lega Nord di Concorezzo.

«La Lega Nord solleciterà in queste ore la giunta affinché venga emanata, come succede già in altre città, un’ordinanza ad hoc per fornire alle forze dell’ordine nuovi strumenti per contrastare chi offende il decoro pubblico, disturba la quiete, vive di forme ben studiate di accattonaggio molesto». Lo dichiara il segretario cittadino della Lega Nord, Daniele Usuelli, dopo aver raccolto lamentele e denunce di tantissimi cittadini. Insomma, si tratta della richiesta, da parte del Carroccio concorezzese, di applicare anche in città il Daspo urbano già introdotto a Monza e Seregno dai sindaci Dario Allevi ed Edoardo Mazza.

LEGGI Il pugno duro del neo sindaco Allevi contro questuanti e sbandati

LEGGI Il daspo urbano di Seregno contro i baby bulli

«In centro e davanti al cimitero molti dei nostri anziani sono di fatto costretti a fare l’elemosina, e questo è intollerabile - spiega Usuelli - L’altro problema riguarda gli schiamazzi notturni e l’uso di amplificatori per musica: dal centro il fenomeno si è esteso anche alle periferie e la gente non ne può più. Introdurre nuove ordinanze e soprattutto sanzioni servirà a rimettere in riga un po’ di gente».

L’ordinanza farà riferimento al decreto legge del ministero dell’Interno (Decreto Legge 20/2/2017 n.14 convertito nella legge 18/4/2017 n.48) che conferisce nuovi poteri ai sindaci. «Non vogliamo un paese militarizzato - conclude Usuelli - Ma un paese tranquillo, civile, dove il rispetto venga applicato per legge se le famiglie non sono in grado di trasmetterlo come diritto fondamentale».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti (0) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare