Il Tar accoglie il ricorso del Comune: stop alla ripresa dell’attività all’Eureco di Paderno
L’incendio del 2010 all’Eureco di Paderno Dugnano

Il Tar accoglie il ricorso del Comune: stop alla ripresa dell’attività all’Eureco di Paderno

Stop all’autorizzazione per riprendere la produzione nell’impianto di trattamento dei rifiuti dell’Eureco di Paderno Dugnano, dove nel 2010 quattro operai morirono in un incendio, per cui il titolare fu condannato a cinque anni di carcere. Il Tar della Lombardia ha accolto il ricorso presentato dal Comune di Paderno Dugnano.

Stop all’autorizzazione per riprendere la produzione nell’impianto di trattamento dei rifiuti dell’Eureco di Paderno Dugnano, dove nel 2010 quattro operai morirono in un incendio, per cui il titolare fu condannato a cinque anni di carcere. Il Tar della Lombardia, con sentenza dell’8 agosto, ha annullato gli atti della Città Metropolitana di Milano che hanno autorizzato la società Tecnologie Ambientali s.r.l. a riprendere «la produzione nel campo del trattamento di rifiuti con tipologie e modalità quasi identiche a quelle in precedenza autorizzate (e non rispettate) dalla ditta Eureco». L’annuncio è di Medicina democratica, che ha dato sostegno al ricorso presentato dal Comune di Paderno Dugnano.

LEGGI La cronaca del rogo all’Eureco

LEGGI L’indagine della Guardia di finanza per frode fiscale

LEGGI L’arresto del titolare dell’azienda

LEGGi La condanna a cinque anni per Merlino

Ora l’Eureco, sottolineano Fulvio Aurora e Lorena Tacco di Medicina democratica, «non riaprirà. E speriamo che la Città Metropolitana di Milano, cui certamente ci rivolgeremo a breve, non presenti ricorso al Consiglio di Stato per rendere possibile che la sentenza passi in giudicato».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti (0) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare