Il giallo del tallio a Nova: avvelenamento confermato, il metallo non era nell’acqua
la casa di varmo dove ha trascorso le vacanze la famiglia sterminata dal tallio (Foto by Paola Farina)

Il giallo del tallio a Nova: avvelenamento confermato, il metallo non era nell’acqua

Il giallo del tallio di Nova Milanese: l’autopsia ha confermato che Patrizia Del Zotto, 62 anni, e il padre Giovanni Battista, 94, sono morti per avvelenamento da tallio. Esclusa intanto la contaminazione del pozzo artesiano della casa di vacanza in Friuli.

Patrizia Del Zotto, 62 anni, e il padre Giovanni Battista, 94 anni, sono morti per avvelenamento da tallio. Il metallo pesante non era nel pozzo della casa in Friuli in cui la famiglia ha trascorso le vacanze in agosto. Sono due delle certezze del giallo che ha portato in ospedale a Desio un intero nucleo familiare di Nova Milanese e che ha fatto due vittime.

LEGGI Per il tossicologo cibo o bevande sono la pista: due precedenti vicino a Udine
LEGGI Tutte le notizie sull’avvelenamento da tallio

La causa della morte è stata stabilità dall’autopsia eseguita giovedì. Intanto gli esami dei tecnici dell’Asl su campioni di acqua prelevati dal pozzo artesiano della casa di Varmo (Udine) dove hanno trascorso le vacanze sono risultati negativi.

Le indagini delle forze dell’ordine continuano dunque per cercare la causa dell’avvelenamento. In attesa dei risultati dei test su altri campioni prelevati di escrementi di piccione e topo, su sacchettini di topicida e animali morti, prelevati nella mansarda e nel fienile del casale di Varmo e anche su patate stoccate in alcuni locali della casa, che potrebbero essere contaminati da pesticidi o da topicidi a seguito della deratizzazione eseguita nel periodo estivo.

In ospedale sono stati ricoverati la mamma di Del Zotto, 87 anni, in condizione critiche, la sorella 58enne, la badante di famiglia e il marito di Del Zotto, ricoverato per la positività del test nonostante l’assenza di sintomi.

La Procura di Monza ha aperto un fascicolo contro ignoti per omicidio colposo e lesioni.

.

© RIPRODUZIONE RISERVATA