Canale Villoresi, Regione Lombardia interverrà per sistemare sponde e ciclabili
Il canale Villoresi a Monza

Canale Villoresi, Regione Lombardia interverrà per sistemare sponde e ciclabili

Nuove piste ciclabili, sponde sistemate, maggiore regimentazione: il canale Villoresi è pronto a rinascere. Dopo che gli amministratori locali hanno sollecitato Regione Lombardia a intervenire, Laura Barzaghi, consigliera regionale del Pd, ha presentato un ordine del giorno che è stato approvato.

Nuove piste ciclabili, sponde sistemate, maggiore regimentazione: il Canale Villoresi, soprattutto nel territorio del Comune di Agrate Brianza, è pronto a rinascere. Dopo che gli amministratori locali hanno sollecitato Regione Lombardia a intervenire, Laura Barzaghi, consigliera regionale del Pd, ha raccolto le istanze e presentato un ordine del giorno all’assestamento di bilancio che è stato approvato.

L’atto impegna la giunta regionale “a promuovere, d’intesa con tutti gli enti interessati e in particolare con il Consorzio di Bonifica Est Ticino Villoresi e i Comuni coinvolti, un accordo di programma per la progettazione e la realizzazione degli interventi necessari a consentire il completamento delle opere di riqualificazione del canale Villoresi, e a intraprendere ogni azione utile all’individuazione e al reperimento, nell’ambito dell’assestamento di bilancio 2017/2019, delle risorse finanziarie necessarie alla realizzazione delle opere”, spiega Barzaghi.

«Il Canale Villoresi rappresenta per l’agricoltura e per il paesaggio rurale lombardo una importante opera idraulica che si sviluppa orizzontalmente, da ovest verso est, nell’alta pianura di Milano per ben 86 chilometri, costruita negli anni 1881-1886, con lo scopo di utilizzare a uso irriguo le acque del lago Maggiore – riassume Barzaghi nell’odg –. Le sue acque sono destinate all’area della medio-bassa pianura padana compresa tra Ticino e Adda”.

Ma il Villoresi è anche indicato nel Piano regionale della mobilità ciclistica di Regione Lombardia per l’importanza strategica come collegamento ciclabile turistico per il circuito Adda-Ticino-Martesana e per gli spostamenti quotidiani tra i comuni che attraversa. “Negli anni sono stati attuati importanti interventi di rifacimento dell’alveo con il recupero e la realizzazione ex novo di piste ciclabili o percorsi pedonali sulle banchine – prosegue Barzaghi –. Ora bisogna procedere al completamento, in particolare per quanto riguarda gli interventi di demolizione e ricostruzione del rivestimento delle sponde e del fondale nel tratto da Brugherio fino a Cassano d’Adda e la nuova realizzazione di percorsi ciclopedonali nei tratti da Brugherio fino a Pessano con Bornago, passando per Agrate Brianza, e da Masate a Cassano d’Adda”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti (0) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare