Ancora una truffa dello specchietto ma questa volta un anziano fa arrestare il truffatore
Ottima operazione dei carabinieri della compagnia di Seregno

Ancora una truffa dello specchietto ma questa volta un anziano fa arrestare il truffatore

I carabinieri della Stazione di Giussano hanno arrestato un nomade 28enne, già noto alle forze dell’ordine, poiché ritenuto responsabile di truffa. Stava tentando di raggirare un anziano con la classica “truffa dello specchietto”

I carabinieri della Stazione di Giussano hanno arrestato un nomade 28enne, già noto alle forze dell’ordine, poiché ritenuto responsabile di truffa. I fatti: alla centrale operativa della compagnia carabinieri di Seregno era giunta una telefonata da parte di un 65enne residente in zona. L’uomo, in maniera molto confusa, ha riferito all’Arma che doveva consegnare 2mila euro a un giovane come risarcimento per un incidente stradale. I militari non hanno abboccato, capendo immediatamente con il giussanese stava per cadere nella rete di un truffatore. Rimanendo in costante contatto telefonico con la potenziale vittima, hanno potuto apprendere che il 65enne era stato invitato ad accostare, in una strada di periferia, dall’automobilista che lo stava seguendo. Una volta fermo, il 65enne era stato accusato dallo sconosciuto di aver urtato lo specchietto retrovisore della propria auto, chiedendo come risarcimento immediato del danno, la somma di 2mila euro e paventando un danno economico maggiore nel caso in cui l’incidente fosse stato segnalato alle autorità.

LEGGI Il caso del palpeggiatore di Giussano

La vittima, che in un primo momento aveva creduto a quanto detto dal giovane, ha poi iniziato ad avere sospetti, memore anche dei consigli per la prevenzione dei raggiri forniti dai carabinieri e, nel momento in cui era tornato a casa per reperire il denaro, aveva allertato il 112. Gli operanti hanno quindi concordato con il 65enne la “consegna controllata” del denaro, conclusasi con l’arresto del truffatore giunto poco dopo sotto casa dell’anziano per riscuotere il denaro. Il maltolto è stato quindi restituito all’anziano mentre l’arrestato è stato condotto presso il carcere di Monza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti (0) Regolamento Commenti: Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito. I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati. Accedi per commentare